Design e creatività: differenze tra user interface e user experience

Design e creatività: differenze tra user interface e user experience

Il nostro discorso su creatività e design ci ha portato ad analizzare brand identity, tutta la parte di marketing e comunicazione classica (offline) e la parte di marketing e comunicazione digitale, passando per il sito web e il growth driven design.

Tante altre aziende si sono già mosse. Inizia subito a valorizzare il tuo brand >

Abbiamo visto come tutti questi elementi, combinati tra loro, costituiscano l'ecosistema di comunicazione di un brand e creino una serie di punti di contatto (touchpoint) che agevolano il rapporto tra azienda e cliente. Il modo in cui ogni cliente si relazione con ognuno di questi touchpoint va a definire il posizionamento del brand e, di conseguenza, l'esperienza di marca.

Cos'è la User Interface (UI)? Cos'è la User Experience (UX)? Che differenza c'è tra UI e UX?

Cos'è la user interface 

In un mondo digitale la UI (User Interface) è quella disciplina che regola il rapporto uomo/macchina attraverso la realizzazione di un sistema che renda possibile tale interazione. Questo sistema è l'interfaccia che, in un banale esempio, è quello che vediamo quando apriamo un sito web o un'app.

Ci sono fondamentalmente 3 tipi di interfaccia:

  1. Interfaccia di codice
  2. Interfaccia grafica
  3. Interfaccia vocale.

Oggi stiamo parlando meramente del lato grafico (estetico): nessun progetto o funzionalità del sofware ma solo quello che possiamo vedere e ciò con cui possiamo interagire. Un bottone, il menu, un banner. Se entro in un sito e non trovo il menu, abbiamo un problema di UI (User Interface)

L'obiettivo della User Interface è senza dubbio quello di semplificare al massimo l'utilizzo dello strumento digitale (qualsiasi sia software, sito, app o il menu del computer di bordo della bmw), tanto che l'obiettivo finale dovrebbe essere quello di abolire ogni manuale di istruzioni: come dire, quando apro un'interfaccia e capisco al volo cosa devo fare.

Il signor Steve Krug, uno dei primi che ha affrontato il tema UI, ha scritto a questo proposito un libro che si chiama "don't make me think". Direi che questo la dice lunga su cosa serva veramente la User Interface

Cos'è la user experience

La user experience d'altro canto è tutta un'altra cosa. O meglio, è anche User Interface ma tendenzialmente è molto di più.

L'esperienza cliente è qualcosa che va al di là del sito e degli asset digitali, ma è determinata da un qualsiasi punto di contatto anche fisico, reale, umano. Tutto fa esperienza: dal sito, all'app, al negozio, al packaging, dallo spot in TV al commesso che mi risponde male quando chiamo lo store più vicino a casa mia. Senza dimenticare l'utilizzo del prodotto.

L'esperienza cliente (che vista dalla parte del cliente si chiama esperienza di marca) è pervasiva su tutto l'ecosistema di comunicazione e non solo: esperienza è esperienza, su tutti i fronti quindi. Ed è proprio questo il motivo per cui l'esperienza cliente oggi è uno dei temi più importanti che un brand dovrebbe curare: è molto difficile da costruire, è molto difficile da mantenere e organizzare ed è talmente diffusa su innumerevoli touchpoint che è molto facile rovinarla. E recupare poi è anche più complicato.

Vuoi disegnare il tuo customer journey? Scarica il toolkit >

Qual è la differenza tra UX e UI

Più che di differenze, parlerei di sovrapposizioni. Abbiamo capito che UI e UX sono di fatto 2 cose diverse ma, tutto sommato, non completamente svincolate tra loro. La user experience è un qualcosa di molto ampio, che comprende diversi fattori e touchpoint, uno dei quali è proprio la User Interface. Quindi la UI è un sottoinsieme della UX. E fin qui, tutto bene.

Quindi se da un lato la UI è fondamentale per il corretto funzionamento dell'asset a cui è applicata (ad esempio il sito web), dall'altro potrebbe essere la causa di una cattiva user experience. Il punto è proprio questo. La differenza tra UX e UI è che sono due cose diverse, che in parte dipendono l'una dall'altra.

Forse le differenze si apprezzano maggiormente se vediamo i compiti dei 2 diversi tipi di designer:

Cosa fa un UI designer

Tendenzialmente si occupa dell'interfaccia e di gestire i percorsi di navigazione in relazione agli obiettivi. Ci sono dei principi di base che regolano la User Interface, che tendenzialmente si occupa di: 

  1. dove mettere i contenuti
  2. come gestire la navigazione
  3. dove posizionare il menu
  4. segliere colori, font, bottoni e CTA
  5. dare dei feedback all'utente per capire se sta seguendo il percorso giusto

Cosa fa un UX designer

Chi disegna l'esperienza cliente tendenzialmente si occupa di studiare il customer journey in relazione ai punti di contatto che il brand mette a disposizione dei suoi utenti e le relazioni tra ognuno di loro. Di base deve:

  1. Conoscere le buyer personas e il modo in cui si relazionano ad azienda e prodotti
  2. Studiare il customer journey e rendere disponibile agl utenti un ecosistema di strumenti attraverso i quali interfacciarsi in ogni sua fase 
  3. Creare wireframe e prototipi da proporre agli UI designers

Vuoi disegnare il tuo customer journey? Scarica il toolkit >

Luca Bizzarri