Data driven marketing: dai il giusto valore ai numeri!

    Porsi domande del tipo “Mi conviene adottare il data driven marketing per la mia azienda?”, “I big data cosa sono, mi possono servire?” è assolutamente necessario in un’epoca come la nostra, dove i dati hanno un peso sempre maggiore.

    Grazie ad essi, possiamo fare un sacco di cose, tra cui conoscere i gusti e gli interessi del nostro target di riferimento, creare strategie mirate, volte ad attrarre e coinvolgere gli utenti, capire qual è il momento più adatto per lanciare il messaggio.

    Scarica il tuo content audit template >

    Tuttavia, i dati da soli non bastano come base da cui partire per ottenere risultati: vanno strutturati ed accompagnati ad una buona pianificazione.

    Se ti interessa rispondere alle domande iniziali, e quindi scoprire se ne vale la pena adottare il data driven come base del tuo marketing strategico, in questo post, ti spiegheremo:

    • che cos’è il data driven marketing
    • cosa sono i big data e come sono utilizzati.

    Data driven marketing: che cos’è e a cosa serve?

    Il data driven marketing, in italiano marketing basato sui dati, consiste in un approccio scientifico che coniuga insieme il marketing tradizionale e la raccolta e l’analisi dei dati riguardanti gli utenti, col fine di comprenderne gusti ed interessi.

    In altre parole, va ad analizzare le azioni e i comportamenti delle persone e, sfruttando le informazioni ricavate da essi, ne deduce necessità ed esigenze.

    Il suo obiettivo è quello di creare strategie sempre più mirate, cercando di proporre solo prodotti e offerte in linea con i bisogni di quel specifico target. Di conseguenza, il suo scopo è far vivere agli utenti una user experience il più personalizzata possibile.

    Infatti, il perno attorno a cui ruota l’intero approccio del data driven è la personalizzazione. Ciò significa che sfruttare ed analizzare i dati non solo ti permette di ottenere ottimi risultati in termini di crescita e conversione. Ma è anche tra i mezzi di fidelizzazione più potenti, perché ti fornisce gli strumenti necessari per costruire relazioni solide e durature con i tuoi clienti.

    Le aziende che utilizzano il data driven ottengono ottimi risultati in termini di ROI

    Un’indagine condotta dal Boston Consulting Group (BCG), e commissionata da Google, dimostra come le aziende che hanno adottato un approccio data driven abbiano migliorato notevolmente il proprio business, ottenendo ottimi risultati in termini di ROI. Si è riscontrato un aumento dei ricavi pari al 20% e un risparmio sui costi del 30%.

    Infatti, al giorno d’oggi, sono molte le aziende che adottano un approccio di questo tipo. Ne vanno a beneficiare il business e il piano strategico, che viene strutturato al meglio, con strumenti più analitici ed affidabili.

    Un esempio di azienda che ha scelto il data driven è Unilever,(non credo sia utile un link, lo toglierei) una tra le compagnie più importanti nel campo dell’alimentazione, dei prodotti per l’igiene e per la casa. Alan Jope, CEO di Unilever, afferma che solo cambiando metodo ha potuto toccare con mano i risultati. Il nuovo percorso è efficace e ben organizzato: infatti raccogliere ed analizzare i dati risulta molto utile per comprendere come sono realmente gli utenti e per indirizzare la strategia verso la via più giusta. (Fonte: Marketingweek.com).

    Big data: cosa sono e come sono utilizzati?

    Secondo la definizione di Wikipedia:

    Il termine big data indica genericamente una raccolta di dati così estesa in termini di volume, velocità e varietà da richiedere tecnologie e metodi analitici specifici per l'estrazione di valore o conoscenza. Viene utilizzato in riferimento alla capacità di analizzare ovvero estrapolare e mettere in relazione un'enorme mole di dati eterogenei, strutturati e non strutturati, allo scopo di scoprire i legami tra fenomeni diversi (ad esempio correlazioni) e prevedere quelli futuri.”

    In altre parole, quando noi operiamo sul web, cerchiamo qualcosa sui motori di ricerca oppure accediamo ad un’app, lasciamo traccia delle nostre azioni, scelte, preferenze ed interessi. Questi nostri comportamenti generano tutta una serie di dati ed informazioni: i big data.

    Sono di natura eterogenea, sia dati strutturati, provenienti ad esempio dal database, sia dati non strutturati, come i gli indirizzi email ricavati dai profili. Vengono misurati in zettabyte, ovvero in miliardi di terabyte, e possono riferirsi ad:

    • informazioni ottenute dal web, dai social e dalle app, come i siti consultati, i contenuti più cliccati, il tempo di permanenza su una pagina;
    • informazioni più classiche e generiche, come l’età, il genere, il luogo di residenza, i posti frequentati.

    Ma a cosa servono? I big data sono utilissimi alle aziende perché hanno il compito di estrapolare ed ottenere più informazioni possibili, sempre più dettagliate e precise, in modo da individuare le reali esigenze delle proprie buyer personas e, di conseguenza, creare strategie su misura. Se stai pensando di adottare una strategia data driven all'interno della tua azienda, ad esempio, potresti considerare l'idea di aggiungere al tuo team un marketing analyst che si occupi dell'analisi dei dati.

    Come adottare una strategia data driven in azienda

    Per rispondere alla domanda iniziale “Mi conviene adottare il data driven marketing per la mia azienda?”, la risposta è “sì, ti conviene”. Certo, costruire una strategia di data driven non è un lavoro semplice ed immediato. Ci vuole tempo ed impegno!

    La prima cosa da fare? Cercare di raggruppare la mole di dati raccolti secondo un senso logico, ordinandola in base alle priorità e quindi valutando quali sono realmente importanti e quali no. E poi, bisogna misurarli e analizzarli, in modo da capire quale strada prendere. Anche qui, però, ci vuole tempo necessario per passare in rassegna la mole di dati e per estrapolare da essi le informazioni utili.

    Scarica il template gratuito del piano di marketing >

    Tuttavia, vicino a pianificazione e precisione, è possibile lasciare un po’ di spazio alla sperimentazione. Fare test ed ipotesi, correggere gli errori è, alle volte, indispensabile per la buona riuscita di un progetto.

    Se anche tu vuoi adottare il data driven marketing per la tua azienda ma non sai da dove partire, affidati a noi di OFG: abbiamo tutto il materiale e tutta la conoscenza di cui hai bisogno!

    New Call-to-action

    Iscriviti alla newsletter per storie digitali da un altro mondo!

    I PIÙ LETTI

    VAI ALLE GUIDE DI OFG ADVERTISING >

    Non hai tempo di cercare nel blog? No problema, abbiamo raccolto gli articoli in comode guide. Vai alle guide >