Le Guide di OFG Advertising: come gestire una pagina aziendale LinkedIn.

    LinkedIn, la piattaforma social dedicata al mondo del business, è uno strumento di digital marketing sempre più interessante e strategico. Questo social network rappresenta, infatti, la terza community social più utilizzata di sempre, con oltre mezzo miliardo di utenti nel mondo e ben 11 milioni di utilizzatori in Italia. Ma non solo: ai grandi numeri si aggiunge un costante lavoro di miglioramento delle sue features - sia per gli utenti, sia per i brand - che rendono LinkedIn uno strumento sempre più indispensabile e per diversi obiettivi:

    • Awareness istituzionale e networking
    • Job & Talent recruiting
    • Social selling e Lead Generation
    • Content distribution

    Per questo, abbiamo dedicato a LinkedIn questa guida in cui ti spieghiamo, passo dopo passo, cos’è e come gestire una pagina aziendale. In particolare, vedrai:

    • come utilizzare LinkedIn per la tua azienda
    • cos’è una company page e quali strumenti offre
    • come fare recruiting con LinkedIn
    • come sfruttare l’algoritmo
    • come impostare un piano editoriale
    • come fare social selling

    Scarica la guida per ottimizzare la tua Linkedin company page >

    Che cos’è LinkedIn

    Prima un po’ di storia: LinkedIn è un social network ideato nel 2002 da Reid Hoffman per fare networking. Negli anni, da piattaforma dove gli utenti inserivano le proprie esperienze lavorative, questo social network si è trasformato anche in uno strumento di social selling. Grazie alle funzioni per le aziende, la piattaforma pubblicitaria e gli analytics è il terzo social network più utilizzato nelle strategie di digital marketing.
    LinkedIn oggi offre ai propri utenti:

    • pagine aziendali;
    • piattaforma ads con la possibilità di investire su tre formati di inserzioni differenti e su target mirati;
    • analytics per verificare la funzionalità dei propri contenuti
    • Pulse, una piattaforma di blogging interna per produrre contenuti nativi.

    Come LinkedIn può aiutare le aziende

    Più di un milione di post, video e articoli fluiscono attraverso il feed di LinkedIn ogni giorno. Questo dovrebbe essere già un ottimo motivo per spingere un’azienda a presidiare la piattaforma.

    Se credi che ti basti avere un profilo personale come CEO della tua azienda sappi che, grazie alle pagine aziendali e alle ottimizzazioni tecniche rilasciate da poco dal social, potrai avere a tua disposizione funzionalità molto avanzate che saranno utili per raggiungere i tuoi obiettivi e capire se la tua strategia sta funzionando.
    Cosa ti offre LinkedIn con le pagine aziendali:

    • ottimizzazione per i motori di ricerca
    • possibilità di fare brand awareness su più prodotti o servizi contemporaneamente, grazie alle pagine show case
    • accedere alle statistiche delle pagine e monitorare i risultati
    • fare digital marketing con obiettivi legati al tuo funnel grazie alle sponsorizzazioni e condivisioni di contenuti dal tuo sito o blog.

    Con la creazione di un piano editoriale potrai condividere video, aggiornamenti di stato, link esterni, post, file in pdf e molto altro.

    LinkedIn Company Page per le aziende: cosa sono e le nuove features

    Il 13 novembre scorso, LinkedIn ha rilanciato le pagine aziendali come Company Page, aggiungendo nuove funzionalità che rendono più facile nutrire il rapporto con gli utenti attraverso le conversazioni. Queste le più rilevanti:

    • Mobile management: gli amministratori possono gestire la pubblicazione e rispondere ai commenti degli utenti tramite l’app mobile di LinkedIn (considerato che l'85% di traffico proviene da mobile).
    • Hashtag: è ora possibile associarli alla propria company page, in modo da poter monitorare e rispondere a conversazioni su proprio marchio o su argomenti rilevanti del proprio settore.
    • Nuovi contenuti: direttamente dalle pagine ora è possibile condividere documenti, come presentazioni PowerPoint, documenti Word e PDF per raccontare storie di marca più ricche e coinvolgenti.
    • Content suggestion: questa feature suggerisce agli admin di pagina contenuti, argomenti e tendenze rilevanti e pertinenti con il pubblico e il settore del brand.
    • Employers engagement: le company page offrono una serie di strumenti che aiutano le organizzazioni a coinvolgere i propri collaboratori e introducono la possibilità di scoprire e condividere i post pubblici dei propri dipendenti direttamente dalla loro pagina.

    Un'altra funzionalità interessante, derivata dall'ultimo aggiornamento dell'algoritmo, è la possibilità di essere intercettati non solo dai propri follower, ma da utenti coerenti con il proprio pubblico.

    Se vuoi approfondire come creare una pagina aziendale su Linkedin leggi il post "Come creare la Company Page Linkedin per la tua azienda". 

    Scarica la guida alla Content Distribution >

    Pagine Showcase: più visibilità ai tuoi prodotti o servizi.

    Ti abbiamo già detto che dalle pagine principali puoi dare visibilità a prodotti o servizi differenti. Si tratta della funzione delle Pagine Showcase, a tutti gli effetti delle sottopagine della tua pagina aziendale, create con l’obiettivo di promuovere un determinato prodotto o servizio.

    Per ogni pagina aziendale su LinkedIn è possibile creare fino a 10 pagine Showcase e mettere in evidenza business unit che si occupano di settori differenti, brand secondari o particolari linee di prodotto. Crearle è molto semplice, seguendo la procedura dal menù della tua pagina aziendale. Come per quest'ultima anche le sottopagine vanno ottimizzate per essere trovate sui motori di ricerca e rendere subito riconoscibile il prodotto o il servizio promosso.

    Se vuoi vedere come i brand utilizzano queste pagine, guarda le pagine showcase di HP, Microsoft e Canon, che costituiscono degli ottimi benchmark. Le pagine Showcase non sono però studiate solo per le grandi realtà ma possono essere integrate anche nella strategia social di una piccola attività. Se, ad esempio, parliamo di un produttore di scarpe, le pagine vetrine potrebbero differenziare le linee femminili da quelle maschili. Una vera e propria vetrina, dunque, per attirare l’attenzione del pubblico giusto, attivando anche campagne separate. Non è possibile fare social recruiting attraverso questo tipo di pagine.

    Social Recruiting: ricerca del personale attraverso LinkedIn

    Abbiamo parlato spesso di social recruiting e LinkedIn può davvero essere il luogo giusto per scovare talenti. Per questa funzione esiste LinkedIn Recruiter, disponibile in Italia dal 2016. Questa feature è pensata per tutte quelle aziende che vogliono fare ricerca del personale e a chi vuole crearsi opportunità di lavoro.

    Come funziona l’algoritmo di LinkedIn

    Abbiamo detto che il traffico di LinkedIn è in continua crescita, che la metà del traffico proviene dall’app mobile e che il feed tiene presenti gli aggiornamenti più interessanti per te. Per fare tutto ciò, anche questo social network funziona attraverso un algoritmo, che è stato aggiornato da poco.

    Un feed molto più intelligente che ha come obiettivo quello di mostrare i contenuti più rilevanti per gli utenti. Il nuovo algoritmo di LinkedIn punta sulle interazioni tra gli utenti, in quanto secondo una ricerca interna al social network chi riceve più feedback è più portato a postare, tenendo in vita il proprio feed. La novità sostanziale è stata che quando apri la homepage non visualizzi più solo i contenuti postati dai tuoi contatti, ma anche quelli che potrebbero interessarti. Il feed di LinkedIn dispone di un filtro anti-spam che, attraverso un bot, classifica i contenuti in tre categorie:

    • spam
    • scarsa qualità
    • idoneo

    Questi tre livelli di classificazione sono stabiliti in base al numero di 'mi piace' e interazioni che ogni profilo ottiene quando posta un contenuto. Gli utenti che aspirano a uscire nel feed e diventare creator (e quindi a essere classificato come idoneo dal bot) sono così incentivati a condividere sempre più contenuto di qualità.

    Inoltre, il ciclo di vita di un post è mediamente più lungo, perché dopo la scrematura del bot, inizia quella “umana”: un post che continuare a raccogliere engagement può arrivare al livello più alto della scala di valore data dall’algoritmo ed essere mostrato anche a chi non è tra i propri contatti.

    Scarica il tuo content audit template >

    Piano editoriale: come scrivere articoli su LinkedIn

    Alla luce di tutte queste informazioni, posto che hai già creato la pagina e conosci la differenza tra le varie sottocategorie e sai come funziona l’algoritmo, è arrivato il momento di creare il tuo piano editoriale.

    La frequenza ideale di posting su LinkedIn è tra i 3 e i 5 contenuti a settimana. Una bella mole, se consideri che devi puntare alla qualità e alla rilevanza assoluta per scalare il feed.

    LinkedIn offre molte possibilità di condivisione:

    • puoi condividere gli aggiornamenti di altri, menzionandoli e portando avanti così la discussione;
    • puoi condividere link esterni, video e anche file in pdf come presentazioni aziendali, white paper e molti altri documenti.

    Inoltre, tramite la piattaforma Pulse, puoi curare un vero e proprio blog, magari focalizzato sul tuo business. Pensa al tuo target, scrivi e condividi per loro.

    LinkedIn per il new business: il social selling

    LinkedIn, come abbiamo anticipato è anche utilizzato come strumento di vendita, cioè di social selling, e può rivelarsi molto utile per i Sales della tua azienda al fine di trovare nuovi prospect e nutrire i rapporti con loro e clienti già acquisiti.

    Attraverso LinkedIn, infatti, i venditori possono interagire direttamente con i clienti potenziali e acquisiti, condividendo contenuti di valore, rispondendo alle loro domande e nutrendo la relazione fino a quando il cliente non è pronto per l'acquisto (lead nurturing).

    L'uso dei social media nelle vendite permette di “coccolare” i potenziali clienti con contenuti, piuttosto che interrompere la loro vita quotidiana con telefonate a freddo e vendite aggressive! Una tecnica molto inbound (se vuoi approfondire l’inbound marketing e sales, leggi la nostra guida).

    Per fare social selling su LinkedIn è fondamentale avere una pagina aziendale ed un profilo curati in ogni minimo dettaglio, dall’immagine di profilo all’url di pagina e la descrizione fino al piano editoriale. Per entrare in contatto con le tue buyer personas, puoi utilizzare 3 modalità:

    • farti introdurre da un contatto in comune
    • inviare un messaggio InMail
    • entrare in contatto diretto con una richiesta di collegamento

    Ora non ti resta che definire gli obiettivi e iniziare a utilizzarlo. Scopri come possiamo aiutarti per integrare LinkedIn nella tua strategia di social media marketing.

    Scarica la guida per ottimizzare la tua Linkedin company page >

    New Call-to-action

    Iscriviti alla newsletter per storie digitali da un altro mondo!

    I PIÙ LETTI

    VAI ALLE GUIDE DI OFG ADVERTISING >

    Non hai tempo di cercare nel blog? No problema, abbiamo raccolto gli articoli in comode guide. Vai alle guide >