Cosa vuol dire link building: disegnare la propria strategia SEO


I link che da altri siti che puntano al proprio sito, definiti in-links, hanno sempre più peso nel posizionamento nella SERP e definiscono secondo l'ottica di Google la "link popularity" cioè quanto il nostro sito è popolare nel web. La popolarità è definita quindi in termini di quantità e qualità degli stessi link. Il concetto di quantità è semplice da capire e definire, mentre la qualità è strettamente dipendente dal sito che posta il nostro link. In particolare sono 3 i fattori che contano:

  • Rilevanza: se il link è postato da un sito o blog di argomento affine al proprio, questo avrà un valore più alto
  • Autorevolezza: rimane un attributo nascosto dagli stessi motori di ricerca ed è strettamente dipendente da numerosi fattori, tra cui spicca sicuramente il numero di in-links.
  • Affidabilità: ogni motore di ricerca tenta di valutare l'affidabilità di ogni sito. Più il sito è considerato affidabile, più il link postato su questo sito avrà valore.

Perché gli in-links sono così importanti? Il concetto che sta alla base del link building è che se il mio sito ha contenuti così interessanti da essere ripresi da altri, merita di essere premiato. Affinché i backlink siano utili e servano in ottica SEO devono essere diciamo "naturali" e non creati artificialmente, altrimenti il rischio non è che non siano di alcuna utilità ma che addirittura provochino più danni che benefici. Potremmo definire "naturale" un link che è stato intenzionalmente postato da un webmaster o da un blogger mentre "artificiale", e quindi punito, è tutto ciò che non rientra in questa definizione. Google non tollera più l'acquisto di link massivo e, anche se è una pratica piuttosto ancora diffusa, lo punisce pesantemente. Cercare di fregare Google non è una best practice, anzi bisogna considerare che è molto difficile farla franca e che le conseguenze da pagare sono pesanti, soprattutto nel lungo termine.

Luca Bizzarri

 

Leggi tutti gli articoli della Guida sui consigli SEO per e-commerce:

  1. Aprire un negozio online
  2. Gestire le immagini
  3. Impostare i filtri
  4. La disponibilità dei prodotti
  5. La paginazione dei prodotti
  6. Aprire un negozio online: altri 3 consigli SEO